Scuola Serafini-DiStefano vince Concorso in Senato

Con un disegno di legge che prevede l’introduzione dello studio dell’astronomia nelle scuole elementari hanno vinto un concorso dibattito bandito dal Senato. Impegno, studio e dedizione e poi tanta soddisfazione per gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Serafini-Di Stefano”, che sono stati premiati dal Senato della Repubblica Italiana nell’ambito del concorso “Vorrei una legge che…” edizione 2019. Le classi VA e VB della Scuola Primaria “Lola Di Stefano”, sotto la guida della Preside Domenica Pagano e delle Insegnanti Nice Pace, Monia Di Basilio, Antonella Di Loreto, Anna Maria Ruscitti sono state  ricevute e premiate nell’aula del Senato alla presenza del Presidente  del Senato  Maria Elisabetta Alberti Casellati. Obiettivo del concorso,  che si svolge a livello nazionale, è avvicinare gli alunni di quinta elementare alle leggi e alle istituzioni. Il disegno di legge presentato, che ha ricevuto il plauso della giuria e del Presidente del Senato per l’idea e per la sua elaborazione grafica  è : “L’introduzione dello studio dell’Astronomia nei programmi di Scienze e di Geografia di tutte le scuole elementari italiane”. La cerimonia di premiazione, che ha previsto l’esecuzione dell’inno d’Italia e d’Europa, mentre gli alunni delle classi premiate, rigorosamente vestiti di bianco sventolavano la  bandiera tricolore , ha raggiunto il culmine dell’emozione all’ingresso del Presidente che ha espresso parole di elogio ai lavori  e agli alunni premiati. “Il nostro progetto e la nostra  legge - hanno affermato gli alunni delle classi VA e della VB -  sono utili per far conoscere ai giovani i corpi celesti e le leggi matematiche che ne regolano i movimenti. E’ bello osservare il cielo e scoprire il nome delle stelle che vediamo, apprezzare l’immensità dello spazio e dei corpi che si muovono con precisione matematica. Chi si intende di astronomia non cade nell’ inganno dei maghi e dei cartomanti, chi alza gli occhi al cielo apprezzandone la sua straordinaria composizione, forse un giorno diventerà uno scienziato, chi si appassiona all’astronomia ama e rispetta al natura!”. 

 

http://www.zac7.it/index/zac7_2015/index_dx_css_new_2015.php?pag=16&art=27355&categ=CRONACA&IDX=27355


Pubblicata il 06 giugno 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.